La Sicilia rappresenta il laboratorio politico per l’Italia del domani? Ai posteri l’ardua sentenza

Per rispondere a questa domanda ci tengo a mettere all’attenzione di voi cari lettori e cari lettrici una questione molto importante: la diversità delle legge elettorale vigente sull’isola e sulla penisola.
Per chi non lo sapesse la Sicilia è una Regione con un’Autonomia speciale, il che le garantisce ampi poteri decisionali e un’ampia autonomia, molto più ampia rispetto alle Regioni a statuto ordinario, su materie economiche ma anche politiche.
Infatti la legge elettorale vigente ammette il voto disgiunto; cioè permette all’elettore di poter scegliere il candidato presidente, la lista da eleggere e il nome del deputato(si, i consiglieri regionali eletti all’Assemblea Siciliana sono chiamati deputati) da mandare in assemblea.
Una spiegazione un pò spicciola e senza troppi tecnicismi ma spero chiara.
Questo spiegherebbe cose alquanto curiose per chi non conoscesse la legge elettorale, per esempio come sia possibile che il Governatore eletto facesse parte di una coalizione formata da due partiti, PD e UDC, che separatamente hanno preso il 13,3% e il 10,8%, ottenendo quindi la maggioranza, ma poi il primo partito di questa competizione elettorale risulta essere il Movimento 5 Stelle con il 14,8% delle preferenze.
Evidentemente quei pochi elettori siciliani presentatisi alle urne, infatti c’è stata un’astensione spaventosa tale che più di un elettore su due non si è recato alle urne, hanno preferito dare una lezione alla destra che ha governato da quasi vent’anni l’isola con risultati più che deludenti, tant’è che la Regione si trova sull’orlo del fallimento, senza rischiare troppo.
Si sono detti “votiamo come Governatore un politico di professione anche se arruso (gay) e COMUNISTA!!!, però facciamo un bello scherzetto a questa classe politica di ladroni mandando in assemblea una bella pattuglia di grillini scassaminchia”.
La destra siciliana, dilaniata sia per cause locali che per cause nazionali, si è suicidata da sola.
Il PDL ha voluto un suo candidato, Nello Musumeci, che in totale ha preso il 25,2% dei voti.
Gianfranco Miccichè, ex luogotenente di Berlusconi in Sicilia che, a quanto dice il nostro giovane ex premier, era stata la prima scelta per la candidatura in questa regione, si è candidato invece con il partito autonomista fondato da lui stesso chiamato Grande Sud, in coalizione con Futuro e Libertà e il Partito dei Siciliani, l’ex MPA(Movimento Per l’Autonomia), del governatore uscente dimessosi perchè stava per mandare in bancarotta la regione e per l’accusa da parte della magistratura di concorso esterno in associazione mafiosa (robetta)  Raffaele Lombardo.
Miccichè ha ricevuto il 15,3% delle preferenze da parte di quel poco popolo siciliano presentatosi alle urne.
E’ vero che in politica le somme non si fanno mai e che soprattutto non si fa la politica, come la storia, con i se e con i ma.
E’ evidente però che se il centro-destra si fosse presentato alle elezioni con un unico candidato avrebbe sicuramente avuto molte più possibilità e probabilmente avrebbe vinto ancora una volta risollevando le sorti di un partito, il PDL, a livello nazionale completamente allo sbando più per colpa del narcisismo del fondatore che per i limiti del segretario Alfano.
Un altro punto su cui vorrei riflettere, e qui mi aggancio a livello nazionale, è l’alleanza vincente tra il PD e l’UDC.
Molti tuonano con soddisfazione che “è un dato di fatto che progressisti e moderati insieme possono vincere le elezioni”. Scusate se rido.

Vorrei ricordare solo due personalità: la prima è Vito Ciancimino.
Vito Ciancimino fu sindaco di Palermo eletto nel 1970 e sotto la sua amministrazione ci fu un boom edilizio che devastò Palermo negli anni a venire. Fu condannato definitivamente nel 1993 a 8 anni  di reclusione per associazione mafiosa e corruzione. Il suo nome è inoltre legato alla presunta trattativa Stato-Mafia,era un affiliato di Cosa Nostra e pare svolgesse un ruolo attivo per Gladio, un’organizzazione di spionaggio segreta di matrice statunitense operante sul territorio italiano in chiave anticomunista.
Con quale partito fu eletto Vito Ciancimino? Democrazia Cristiana. Di quale corrente faceva parte Vito Ciancimino? Della corrente della DC in capo a Giulio Andreotti. Di cosa fu accusato Giulio Andreotti, anche se poi venne assolto? Associazione a delinquere(Cosa Nostra). Qual è il partito erede della tradizione democristiana in Italia? L’UDC.
L’altra personalità è l’ex governatore della Regione Sicilia Totò Cuffaro.  Attualmente è recluso nel carcere di Rebibbia per la condanna definitiva a sette anni di reclusione per  favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra e rivelazione di segreto istruttorio.
Fu proprio quella sentenza che lo costrinse alle dimissioni. Sapete di quale partito faceva parte Totò Cuffaro? L’UDC.
Quindi il fatto che il Partito Democratico abbia appoggiato in precedenza il dimissionario governatore Raffaele Lombardo in coalizione con l’UDC e che ora il neogovernatore sia appoggiato da una coalizione PD-UDC mi lascia alquanto perplesso.
O il PD in Sicilia è molto più accondiscendente rispetto alla questione morale e fa di tutto per governare(e mi sembra lo abbia dimostrato con l’appoggio a Lombardo) oppure gli antichi rapporti della DC con una certa componente malavitosa, che la fa da padrona nell’isola, sono stati “ereditati” dall’UDC e quindi questa, come tutte le altre elezioni nella regione, è il mio pensiero, è stata approvata da Cosa Nostra.
Ovviamente è solo una supposizione.
Un altro dato interessante è il boom del Movimento 5 Stelle. Il Beppe Grillo nuotatore che attraversa lo Stretto di Messina e tiene comizi ovunque sia possibile, ha entusiasmato a quanto pare buona parte del popolo siciliano.
Il candidato del M5S  ovvero grillino (lo uso anche se a loro dà fastidio, anzi, lo uso PERCHE’ a loro dà fastidio) ha avuto il 18,1% di voti piazzandosi terzo nella classifica degli aspiranti governatori.   
Il neogovernatore Crocetta ha ottenuto 30 seggi su 90 , che non bastano per governare, quindi probabilmente si profila una Grande Coalizione con il Grande Sud di Miccichè e il M5S e il PDL a fare opposizione.
Allacciandomi ora al discorso nazionale, se si verificassero delle elezioni come quelle in Sicilia si verrebbe a creare un rebus di difficile soluzione.
E il bello è che stando ai sondaggi e proiettando essi con l’attuale legge elettorale denominata Porcellum(non so se più perchè è una porcata oppure perchè il suo ideatore, Roberto Calderoli, assomiglia in tutto e per tutto a quell’animale) potrebbe succedere proprio quello che è successo nell’isola!
Con il conseguente risultato di un governo (n’atra vota) di unità nazionale guidato da…MARIO MONTI!!! Con altri 5 anni di commissariamento de facto da parte dell’UE e dei poteri forti finanziari e bancari che stanno dietro la figura dell’attuale premier (l’essere stato International Advisor per la Goldman Sachs e l’essere stato membro dell’oscuro Gruppo Bildenberg e della Commissione Trilaterale fondata da David Rockefeller mi dà la necessaria sicurezza di poter affermare ciò che ho scritto precedentemente) e altre manovre recessive senza alcun aiuto alle famiglie e con una pressione fiscale SEMPRE più opprimente, SEMPRE ai danni ovviamente di chi ha SEMPRE pagato ed è stato onesto.
Ci troveremo con un parlamento dotato di un’ampissima maggioranza trasversale appoggiata da tutti, anche dai media e dai giornali, con un’opposizione formata da grillini chiassosi quanto scimmie urlatrici chiuse nella gabbia di uno zoo.
E se invece vincesse Beppe Grillo? Io personalmente rabbrividisco all’idea e comunque non sono dotato di poteri divinatori per poterlo prevedere.
Cara Italia, se la Sicilia è davvero un laboratorio politico per te, ti auguro tanta fortuna.

Daniele Ciucci AKA Danny Martello


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: